Utilizziamo i cookie per offrire i servizi e le funzionalità proposte dal nostro sito web e per migliorare l'esperienza degli utenti. I cookie sono piccoli file o porzioni di dati che vengono scaricati o archiviati sul tuo computer o altri dispositivi. Possono contenere informazioni sul tuo uso del nostro sito web (includendo alcuni servizi di terze parti e funzionalità offerte dal nostro sito web). Facendo clic su "Accetto" acconsenti a tale uso dei cookie. Puoi sempre ritirare il consenso successivamente. Tieni presente che se elimini o disattivi i nostri cookie puoi sperimentare interruzioni o funzionalità limitate in alcune aree del sito web. Cookie policy

 

NEWS AL FEMMINILE

curiosità in rosa dal mondo del vino

 

 

 

NOTIZIARIO REGIONALE

elenco completo delle notizie per regione

 

 

 

DELEGAZIONI REGIONALI

elenco completo delle socie ordinato per tipologia e suddiviso per regione

 

 

AREA RISERVATA   

 

 

NOTIZIE

 

EVENTI

 

ECCO LA 1ª FESTA DELLE DONNE DEL VINO 2017: OLTRE 70 EVENTI

 

 
 

 

scarica il PDF della storia scritta da Josè Pellegrini:

  

 

 

Venticinque anni di attività

In passato l'Associazione ha ricevuto da Istituzioni ed Enti numerosi riconoscimenti per l'intensa attività svolta e per il contributo dato alla diffusione del vino italiano di qualità.
Le Donne del Vino sono costantemente chiamate a partecipare a Convegni e dibattiti in cui portano i risultati delle loro esperienze professionali ed associative.

Le ragioni del sodalizio
Almeno tre sono le ragioni fondamentali che hanno favorito la nascita dell'Associazione:

- Negli ultimi venticinque anni le donne, che da sempre lavorano nelle aziende vinicole, dalla vigna alla cantina, in modo professionale ma quasi "oscuramente", hanno preso coscienza delle loro capacità imprenditoriali.
Alcune, poi, si sono trovate ad ereditare e a gestire patrimoni ed aziende vitivinicole. Una circostanza, anch'essa, che dà il segno del cambiamento: in pasato, infatti, questi passaggi avvenivano sempre in linea maschile.
Oggi, infine, anche le donne frequentano scuole e fanno studi prima tipicamente maschili, per diventare agronome, enotecarie, enologhe, sommelier.

- Le donne sono entrate in questi anni da protagoniste nei settori confinanti, rispetto a quello vitivinicolo, delle enoteche e della ristorazione anch'essi per tradizione tipicamente maschili.

- Il terzo motivo è rappresentato dai cambiamenti che si sono prodotti nel mondo delle consumatrici. Vino "al femminile" significa oggi, sempre di più, desiderio di saper scegliere un prodotto di alta qualità, piacere di gustare in modo consapevole, conoscere le caratteristiche dei vini per arrivare ad abbinarli correttamente ai cibi, e così via.