News/Wine&Food

Maremma Toscana Meets Bordeaux

26 Maggio 2017
Maremma Toscana Meets Bordeaux

Maremma Toscana Meets Bordeaux: Forum invention talent in open world, sostenibilità ambientale e utilizzo risorse naturali

Valori innovativi, sostenibilità ambientale e rispetto per il consumatore: ne parlerà nel weekend a Maremma Toscana Meets Bordeaux: Forum invention talent in open world, incontro promosso e organizzato da Rotary E-Club de France International D1690, in collaborazione con il Rotary Club di Massa Marittima D2071. Una 3 giorni, dal 26 al 28 maggio, di gemellaggio e di dibattiti.

Gli incontri sono aperti a tutti – addetti ai lavori, istituzioni e appassionati – per un confronto sulla conoscenza le nuove tendenze e tecnologie in agricoltura.

In questa iniziativa sono coinvolte anche le Donne del Vino con Antonella Manuli, dell’azienda agricola La Maliosa che pratica viticoltura biodinamica.
Sabato 27 maggio Antonella sarà relatrice insieme a Lorenzo Corino alla conferenza internazionale che si svolgerà a Scansano (Grosseto) dove si parlerà di viticoltura di precisione, di brand e territorio, e-commerce e problematiche relative all’ export del prodotto vino. Ingegneri, agronomi, architetti e professori si alterneranno, parlando di ricerche e servizi nel settore della viticoltura.

“Sono orgogliosa di poter portare – dice Antonella – la mia testimonianza in questo evento così d’avanguardia che fa parlare la Maremma con Bordeaux per la prima volta. Il nostro intervento al convegno internazionale del 27 maggio avrà un focus sulla sostenibilità ambientale e la salubrità dei prodotti che è la nostra mission, e di come può essere esercitata anche attraverso un’agronomia di precisione, che si rivolge soprattutto all’utilizzo delle risorse naturali presenti nel contesto agronomico, piuttosto che tramite strumentazioni meccaniche. Queste tecniche innovative sviluppate insieme al professor Lorenzo Corino, rappresentano una evoluzione della biodinamica in senso vegetale e sono state da noi codificate in un brevetto: il Metodo Corino.”

Durante la conferenza verranno messe a confronto etichette della Maremma, con le loro differenti tecniche e tecnologie di produzione. La pausa pranzo prevedrà la degustazione dei vini e altri prodotti tipici dei due territori. La giornata di sabato si concluderà, in collaborazione con il Morellino Classic Festival, con un concerto di artisti russi che esalteranno cultura, storia e tradizione del luogo.

Il gemellaggio inizia il 26 maggio a Tenuta Dodici (Giuncario – comune di Gavoranno) di proprietà di Kostantine Tuvykinche ospiterà la conferenza tecnica e demo sull’agricoltura di precisione in campo. Parteciperanno aziende e tecnici, docenti delle università di Firenze, Bologna e Pisa e viticoltori. Particolare attenzione verrà rivolta agli studenti degli istituti tecnici per geometri e periti agrari per mostrare loro le tecnologie più innovative disponibili sul mercato mondiale.

La conferenza si concluderà, a seguito di dimostrazioni tecniche di droni, robot e sensoristica, con una degustazione dei vini prodotti in Tenuta. Cena tipica maremmana e abbinamenti di vini del Bordeaux e della Maremma saranno serviti durante la serata nell’Antico Casale di Scansano Resort (Grosseto), grazie alla partecipazione del Sommelier Magdy Lamei dell’Enoteca Il Baldacchino (Massa Marittima).

L’ultima delle tre giornate è programmata per domenica 28 maggio. Ancora una volta le Donne del Vino saranno protagoniste grazie ad Antonella che, con una visita guidata nella sua azienda, illustrerà i metodi di coltivazione dei suoi oliveti e vigneti. Seguiranno degustazioni di vino, olio e miele, accompagnando questi con altri prodotti gastronomici della zona della Maremma.

La conclusione dell’evento avrà luogo a Rispescia (Grosseto) all’agriturismo La Giuncola & Granaiolo dove la merenda maremmana sarà accompagnata da esibizione degli storici Butteri.

Scroll