Agorà in Chianti per le Donne del Vino

Agorà in Chianti per le Donne del Vino

Agorà in Chianti per le Donne del Vino

Le Donne del Vino toscane valorizzano i vitigni complementari e autoctoni  Tavola rotonda,  martedì 11 aprile  ore 12, spazio Consorzio Chianti, Pad 9
La Vitis vinifera ha un’elevata variabilità varietale; è altissimo il numero di vitigni coltivati nel mondo, alcuni di questi sono stati selezionati per vegetare al meglio nelle condizioni climatiche e pedologiche specifiche delle determinate regioni dove sono coltivati e sono definiti autoctoni. Hanno una lunga storia vitivinicola, custode del patrimonio culturale di un territorio. L’erosione genetica, la necessità di semplificare e omologare i vini verso caratteristiche “contemporanee”, il voler prendere le distanze da pratiche e vitigni tradizionali stanno escludendo, con conseguente perdita, numerosi vitigni autoctoni.
La forte presenza delle donne nel mondo vitivinicolo, fa ipotizzare che la loro naturale tendenza a conservare, custodire, salvaguardare la biodiversità, possa renderle interpreti attive di un sistema agricolo che guardi al futuro coniugando passato e creatività.

Cinque Donne del Vino che allevano vitigni autoctoni minori  della Toscana si raccontano nello stpazio del Consorzio Chianti durante Vinitaly

Programma della TAVOLA ROTONDA

ore 12,00 saluti delle autorità:
Assessore all’Agricoltura – Marco Remaschi
Presidente Consorzio Chianti – Giovanni Busi
Presidente Donne del Vino – Donatella Cinelli Colombini

ore 12,15 presentazione tavola rotonda Antonella D’Isanto Delegata DDV Regione Toscana
ore 12,20 Luigi Pizzolato Vice Presidente Ais Toscana: vitigni autoctoni complementari tra tradizione e
innovazione
ore 12,30 Le Donne del Vino  – delegazione Toscana –  raccontano la loro esperienza
 Patrizia Chiari, Tenuta L’Impostino – Vitigno Pugnitello
 Beatrice Contini Bonacossi, Tenuta di Capezzana – Vitigno San Colombano
 Antonella D’Isanto, I Balzini – Vitigno Mammolo
 Maria Giulia Frova, Tenuta Il Corno – Vitigno Colorino
 Emanuela Stucchi Prinetti, Badia a Coltibuono – Vitigno Malvasia Nera
ore 12,55 conclusioni Assessore Marco Remaschi

Brindisi con vin santo del Chianti o bollicine del Chianti.

Vitigni-autoctoni-complementari-del-Chianti-Vinitaly-Donne-de-Vino-Toscane

Vitigni-autoctoni-complementari-del-Chianti-Vinitaly-Donne-de-Vino-Toscane

Nessun commento

Sorry, the comment form is closed at this time.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina dellaPrivacy.
Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'.
In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.

MAGGIORI INFORMAZIONI

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close