Cinghiale alla Volterrana, ricetta toscana

Cinghiale alla Volterrana, ricetta toscana

La Donna del Vino Claudia Del Duca si racconta e ci racconta un ricetta toscana speciale, il cinghiale alla Volterrana

 

CINGHIALE ALLA VOLTERRANA
Ingredienti per 4 pax:
1000 gr. di polpa di cinghiale, 1 spicchi d’aglio, un rametto di rosmarino, 2 foglie di alloro, olio di oliva, 5 bacche di ginepro, 1 lt. di vino rosso corposo, peperoncino piccante, 1 carota, 1 cipolla, 1 pomodoro, 1 zucchino, 2 costole di sedano, sale e pepe


Procedimento:
Per il brodo vegetale:
In una pentola preparare il brodo vegetale con acqua, carota, cipolla, pomodoro, zucchino e costole di sedano. Fare bollire per 20 minuti.
Per il cinghiale:
Tagliare la carne a piccoli pezzi, lavarla e scolarla bene. Metterla in una casseruola e riscaldarla lentamente al fine di fargli tirare fuori l’acqua e quindi scolarla (questa operazione per diminuire il sapore del selvatico). Rimetterla sul fuoco con olio, l’alloro, il peperoncino, un po’ di sale e pepe ed a fiamma viva farla rosolare bene e quindi bagnarla con del vino rosso molto corposo, aggiungendone poco per volta, portandola a metà cottura. Nel frattempo preparare un battuto di aglio, rosmarino e bacche di ginepro ed aggiungerlo al cinghiale; continuare a rosolarla ancora per un po’. Ultimare la cottura ricoprendo il cinghiale con il brodo vegetale. Lasciare bollire a fuoco lento fino alla cottura della carne. Aggiustare con sale e pepe e servire ben caldo.
Il Vino che abbinerei:
“Giusto alle Balze” (Merlot 100%) dell’azienda agricola Marcampo di Volterra

 

Claudia Del Duca
PODERE MARCAMPO, Volterra, Località San Cipriano, Podere Marcampo 30 e ENOTECA DEL DUCA, Volterra, Via di Castello, 2

 

Come e quando hai intrapreso la professione di ristoratrice?
Sono cresciuta nel ristorante di famiglia da quando avevo 5 anni. I miei genitori hanno intrapreso questa strada nel 1991 con il primo ristorante Il Vecchio Mulino a Saline di Volterra, per poi aprire nel 2001 l’Enoteca Del Duca a Volterra, un ristorante con pochi tavolini e che rispetta il nostro territorio, dal mare alla terra. La passione è strettamente legata al vino perché il completamento di un grande piatto non può che essere il giusto abbinamento con un grande vino.

 

Qual è l’aneddoto della tua vita che ti racconta meglio?
Scegli un lavoro che ami e non dovrai lavorare neppure un giorno della tua vita

 

Ci racconti un pranzo o una cena indimenticabili o il personaggio più famoso per cui hai cucinato?
Kurt Russel e Goldie Hawn, inizialmente neanche riconosciuti per la loro riservatezza e semplicità.

 

La ricetta del cuore e perché e a chi la cucineresti?
Crespelle in brodo di gallina e tartufo bianco. Una ricetta povera della tradizione di casa unita al tartufo bianco, eccellenza del nostro territorio. La cucinerei a chiunque ami il binomio uova/tartufo e perché no..abbinandola al mio sangiovese

 

A quale donna ti ispiri e perché?
Rita Levi Montalcini per essere riuscita ad affermarsi in un mondo prettamente maschile grazie alla sua estrema intelligenza e credenza che il mondo sia fatto da entrambi i sessi senza differenze.
Si definiva una donna libera: lo condivido in pieno

 

Il tuo motto?
Sii l’artefice del tuo destino

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina dellaPrivacy.
Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'.
In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.

MAGGIORI INFORMAZIONI

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close