Italia in Rosa

Italia in Rosa

A Moniga del Garda il 7-8-9 Giugno presso Villa Bertanzi

Ventuno aziende, un unico ma, variegato banco d’assaggio, dedicato alle Donne del Vino, all’interno di un arcipelago italiano e, francese, di vini chiaretti, rosati e rosé, per esprimerne, attraverso vini simbolicamente femminili, tutto il loro stile.

 

La rassegna svoltasi dal 7 al 9 giugno a Moniga del Garda dove 1 etichetta su 5 era delle Socie dell’Associazione Nazionale Le Donne del Vino è riuscita, attraverso più di 2000 assaggi effettuati al nostro banco, a far stupire ed a far apprezzare diversi esercizi di stile, fantasia, tradizione con i quali Le Donne del Vino sanno farsi notare.

 

Tanti i vini davvero piaciuti; tanti quelli che hanno davvero colpito degustatori locali, stranieri (i numerosi turisti tedeschi ed inglesi che per primi, e per ora soli, affollano le spiagge gardesane), oltre a coloro che per il fine settimana si trasferiscono sul lago di Garda.

 

Una “location” attraente che è riuscita a veicolare tante persone, che hanno presenziato alla manifestazione e che numerose, si sono avvicinate al nostro banco d’assaggio attratte dalla singolarità dell’Associazione, piuttosto che dal desiderio di provare delle vere novità, e per i nostri luoghi rarità, quali il Moscato Rosa piuttosto che il Lacryma Christi o i sorprendenti rosati “da meditazione”calabresi, o quelli sardi di straordinaria freschezza o i tipicissimi salentini.

 

Ma tante anche le conferme positive per i più noti, perché a noi geograficamente più vicini, chiaretti, rosati e rosé delle regioni del centro e nord Italia. Vale la pena di sottolineare gli eleganti Franciacorta o le bollicine metodo classico, certamente fuori dal comune delle Marche, o le interpretazioni lombarde delle sfumature rosa che non includono solo i tipici chiaretti da vitigni locali ma anche da Pinot nero, Rebo, Merlot, oltre all’ingentilimento che si ottiene da vitigni austeri come Nebbiolo, Barbera, Pinot nero piemontesi o il malandrino vino “ruspo” (rubato) toscano.
Ed infine i vini veneti e friulani, da vitigni locali, in grado di esprimersi in maniera immediata ma piacevolissima.

 

Loretta Zammarchi

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina dellaPrivacy.
Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'.
In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.

MAGGIORI INFORMAZIONI

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close