Mlinci, la ricetta dal Friuli Venezia Giulia

Mlinci, la ricetta dal Friuli Venezia Giulia

Mlinci, la ricetta dal Friuli Venezia Giulia

Mlinci (leggi: mlinzi) con la supeta è la ricetta che ci racconta Gabriella Cottali del ristorante Devetak di San Michele del Carso, in Friuli Venezia Giulia

La ricetta “Mlinci con la supeta”
Per i “mlinci” (pasta abbrustolita in forno)

500 gr. di farina 00
n. 5 uova
sale q.b.
5 cucchiai di olio d’oliva
erbe aromatiche

Impastare il tutto a pasta dura. Tirare in sfoglia sottile. Disporre su una lastra da forno cosparsa di farina e cuocere a forno a 200° per 10’.

Per la “supeta” (spezzatino di gallina nostrana):

1 gallina nostrana tagliata a quarti
3 cipolle grosse
½ bicchiere d’olio ex. verg. D’oliva
un mazzetto di maggiorana fresca
sale.pep
2 cucchiai di conserva
pan grattato
1 bicchiere di vino bianco secco
1 lt. di brodo circa

Rosolare la gallina nell’olio. Bagnare con il vino, aggiungere la cipolla tritata e soffritta, il sale e la maggiorana. Coprire il tutto con del brodo e lasciar cuocere circa 3 ore. Togliere la gallina dal sugo e disossarla e ridurla a pezzettini. Rimettere il tutto nel sugo e terminare la cottura aggiungendo la conserva e il pan grattato.

Gabriella Cottali

Gabriella Cottali

Gabriella Cottali

Lokanda Devetak di Devetak Avgustin &c s.n.c
Localitá Brezici 22, San Michele del Carso (GO)

Come e quando hai intrapreso la professione di ristoratrice?
La nostra piccola trattoria esiste da 6 generazioni, sempre di proprietà famiglia Devetak. Dopo 3 anni di fidanzamento a 18 anni io e Avgustin ci siamo sposati intraprendendo questa nuova avventura. Sotto la guida di mia suocera mi sono avvicinata ai fornelli. Dandomi piena fiducia lentamente ho imparato le vecchie ricette del territorio e di famiglia.con tanta voglia di fare sempre meglio e crescere ho incominciato a frequentare corsi e a studiare.

Qual è l’aneddoto della tua vita che ti racconta meglio?
L’ultimo mestiere della mia vita sarebbe stata la cuoca, oggi dopo 35 anni è la mia vita.

Ci racconti un pranzo o una cena indimenticabili o il personaggio più famoso per cui hai cucinato?
Ho avuto la fortuna di cucina per 3 presidenti (pres. dell’Ungheria, Slovenia e Italia). Ma sicuramente il più emozionante è stato in onore del presidente Mattarella.

La ricetta del cuore e perché e a chi la cucineresti?
“La mia supeta”. Negli anni ho perfezionato e personalizzato un piatto di tradizione che mia suocera mi cucinava sempre.Gallina,patate e pomodoro. La cucinerei sicuramente per lei su in paradiso e qua sempre in sua memoria.Se sono quella che sono lo devo solo a lei.

Il tuo motto?
Fai sempre quello che ti piace…volere é potere.

Contributo raccolto a cura di Cinzia Mattioli, donne del vino e ristoratrice della Liguria

Nessun commento

Sorry, the comment form is closed at this time.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina dellaPrivacy.
Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'.
In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.

MAGGIORI INFORMAZIONI

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close