Pasta e ceci, ricetta della Puglia

Pasta e ceci, ricetta della Puglia

Pasta e ceci, ricetta della Puglia

Paste e ceci è una ricetta pugliese che ci racconta la Donna del Vino e ristoratrice Giulia Tramis del Ristorante Lilith a Lecce

CICERI E TRIA (ovvero pasta e ceci, una ricetta classica della tradizione salentina)
Ingredienti per 4 persone
250 grammi di ceci secchi
1 costa di sedano
1 cipolla
foglie di alloro
olio extra vergine di oliva sale grosso
Per la Tria:
400 grammi di farina di semola rimacinata di grano duro
acqua q.b.

Procedimento
Mettere i ceci in ammollo in abbondante acqua e una manciata di sale e lasciarli per una notte.
La mattina dopo, eliminare l’acqua e versarli in una pentola. Ricoprirli di acqua fresca, aggiungere le foglie di alloro, la cipolla tagliata a metà e la costa di sedano e portarli a cottura. Impiegheranno circa un’ora, fare attenzione a tenerli sempre coperti dall’acqua.
Per la pasta:
Versare su un piano da lavoro la farina, formare una fontana e al centro aggiungere dell’acqua. Iniziate ad impastare e aggiungere acqua fino ad ottenere un impasto facilmente lavorabile, morbido ed elastico. Creare una pallina con l’impasto e farla riposare per una decina di minuti.
Passato il tempo di riposo, stendere l’impasto fino ad ottenere una sfoglia sottile. Tagliare la pasta in strisce di 5/6 cm di lunghezza e un centimetro circa di larghezza.
Una parte della pasta viene fritta in olio evo caldo. L’altra parte della pasta viene lessata in abbondante acqua salata e scolata in una pentola dove precedentemente si sono saltati i ceci (alcuni di questi schiacciati con una forchetta) con cipolla tritata e olio extra vergine di oliva.
Impiattare la pasta con i ceci e finire il piatto con la pasta fritta e una macinata di pepe.

Giulia Tramis del Ristorante Lilith – Provinciale Strudà-Vanze, 73029 Vernole (LECCE)

Mi sono laureata in Scienza Gastronomiche presso l’università di Pollenzo (CN). La ristorazione, però, ce l’ho nel sangue perché i miei genitori hanno iniziato questa attività 20 anni fa. Dopo la mia laurea, quindi, ho deciso di tornare nella mia terra e prendere in mano il nostro ristorante che al momento conduciamo con tutta la mia famiglia e il mio ragazzo Matteo, il nostro chef insieme alla mia mamma, diplomato all’Alma, scuola di cucina di Gualtiero Marchesi.

Ho studiato a Pollenzo e da lì ho conosciuto il mondo intero. Il cibo è il più potente mezzo di conoscenza e scambio tra culture. Questa è la passione che mi racconta meglio: viaggiare e scoprire la cultura gastronomica di un posto.

Un pranzo indimenticabile è stato il primo pranzo che mi ha preparato Matteo, prodotti semplici, locali preparati, però, in maniera nuova che mi hanno conquistato subito. Da lì, l’ho “costretto” a lavorare con me

La ricetta del cuore è un bel piatto di sagne ‘ncannulate con passata di pomodoro e abbondante cacio ricotta. E’ il piatto del cuore perché mi ricorda la mia nonna e i pranzi che facevamo da lei con tutti i miei cugini. L’amore per il cibo e la cucina me l’ha trasmesso lei.

Non ho una donna fonte di ispirazione. Sto creando la mia identità, partendo da ciò che mi piace di più e seguendo i consigli della mia famiglia

Il mio motto è : Siamo ciò che mangiamo

Contributo raccolto dalla Donna del Vino e ristoratrice Cinzia Mattioli

Nessun commento

Sorry, the comment form is closed at this time.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina dellaPrivacy.
Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'.
In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.

MAGGIORI INFORMAZIONI

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close